9 Novembre 1989- 9 Novembre 2016

27 anni fa cadeva il muro di Berlino.

Oggi Donald J. Trump diviene il 45° Presidente degli Stati Uniti d’America.

La sovrapposizione di date tra i due eventi è davvero singolare se pensiamo che nell’anniversario della caduta del simbolo della cortina di ferro, diventa l’uomo più potente del mondo colui che ha posto al centro della sua campagna elettorale, la costruzione di un muro tra Messico e USA.

Maria Mihelic presso la struttura che lei e David Gleason hanno costruito in risposta alla chiamata di Donald J. Trump per un muro di confine.

09trumpwall-master768

Unica consolazione è che, appunto, il 9 Novembre non sarà ricordato solo per l’elezione di Trump, ma, anche per l’abbattimento del Berliner Mauer, che ha diviso in due la città per 28 anni, dal 13 agosto del 1961 fino al 9 novembre 1989. Una data storica, come fu descritta per la prima volta dal conduttore Hans Joachim Friedrichs, del programma Tagesthemen. Una data che, in maniere esemplare, ha segnato l’inizio del mondo come lo conosciamo oggi.

unknown-1

La costruzione del muro avvenne ad opera del governo della Germania Est (DDR, filosovietica) per impedire il flusso migratorio verso Berlino Ovest (BRD) dalla Germania Est. Già dal ’52 i leader della Germania Orientale volevano chiudere i confini, ma solo nel ’61 Kruscev, il leader del Cremlino, diede a Ulbricht il via libera per sigillare il confine. Circa 155 km, che circondavano in pratica tutta l’area ovest, divise per anni la città e intere famiglie, gruppi di amici, parenti furono separati senza possibilità di ricongiungersi. L’unico punto ufficiale di passaggio tra la zona sotto l’influenza occidentale e quella filosovietica, rimase il Check Point Charlie, all’incrocio tra Friedrichstraße e Zimmerstraße: porta di accesso tra due mondi totalmente differenti.

Il discorso tenuto nel 1987 a Berlino, da Ronald Regan, 40° presidente Usa, repubblicano come il neoeletto Trump, è da molti (ndr soprattutto americani) considerato tra gli input per l’abbattimento del muro:

Segretario generale Gorbačëv, se lei cerca la pace, se cerca prosperità, se cerca liberalizzazione per l’Unione Sovietica e l’Europa dell’est: venga a questa porta. Signor Gorbačëv, apra questa porta. Signor Gorbačëv, signor Gorbačëv, abbatta questo muro!

Oggi i resti del muro sono presenti in poche zone della città, tra cui il tratto di 80 metri alla fine della via Zimmerstraße verso Potsdamer Platz. In questo video, girato proprio a Postdamer Platz, alcuni momenti dell’abbattimento del muro, il 12 novembre 1989.

unknown-3Il tratto più lungo ancora in piedi, pari a 1,3 chilometri è situato vicino all’Oberbaumbrücke, ed è chiamato oggi East Side Gallery, letteralmente “galleria del lato orientale”, la più lunga galleria d’arte all’aperto del mondo, un memoriale celebrativo della libertà. Con circa 106 murales, un centinaio di artisti internazionali hanno interpretato il tema della libertà, della pace, della caduta del muro, dipingendo, appunto, sul lato orientale.

Il sito ufficiale della East Side Gallery racconta la genesi del progetto, e nella galleria virtuale Google Arts&Culture sono presenti le immagini di tutte le opere, tra cui,

unknown-2l’iconico “Bacio fraterno” (Fraternal Kiss, 1990) dell’artista russo Dmitri Vrubel, tra il segretario del Pcus Leonid Breznev e il segretario generale del comitato centrale della Sed, Erich Honecker. Accompagnato dalla frase satirica : «Mio Dio, aiutami a sopravvivere a questo amore mortale».

 

 

E oggi non ci resta che dire,

Good Bye, Lenin!

Welcome Mr. Trump!

Una risposta a "Berlin Wall Down"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...