Dal Foro di Traiano prendi via Alessandrina, giri a sinistra in via Campo Carleo. Poi a destra in via degli Ibernesi, salendo le scale; di nuovo a destra e sei su via dei Serpenti. Pochi metri. A sinistra. Piazza della Madonna dei Monti.

La fontana dei Catecumeni è la prima cosa che vedi; commissionata da papa Sisto V nel 1588, e progettata da Giacomo Della Porta, fu realizzata da Battista Rusconi l’anno seguente. Se, invece, arrivi da via degli Zingari, la fontana la vedi per ultima. Ma, da qualunque via tu acceda, l’effetto è lo stesso. Ti senti accolto, libero, vivo; di giorno puoi perderti nelle vie limitrofe, esplorarne i vicoli e conservare visioni; la sera, rumorosa, spinge tutti attorno alla fontana, che sembra dispensare spensieratezza, più che acqua. Monti è così, unica ma senza pretese; non ti giudica, non ti respinge.

Monti è il primo dei rioni di Roma, indicato come R.I.; ed è anche il primo “luogo” della città eterna di cui parleremo. È una delle zone più vitali e frequentata della città: negozi dell’usato e non, locali, bar, ristoranti di ogni genere, colorano l’ambiente, attirando turisti alla ricerca del folklore e abitanti innamorati della magica atmosfera del quartiere.

Nel cuore del rione, a pochi passi dalla stazione metro Cavour, nasce nel 2009 il Mercato Monti, situato, precisamente, in via Leonina 46. Ideato da Ornella Cicchetti, fondatrice anche di Sounds Familiar, con l’aiuto di Bibi Marin, il MM si è subito imposto nello scenario capitolino, in maniera trasversale, tra giovani e meno giovani, come un’idea innovativa, ripercorrendo la tradizione romana dei mercati, ma aggiungendo qualcosa di nuovo. Questo mercato urbano è diventato negli ultimi anni un punto di riferimento e di aggregazione, sentito come parte integrante della comunità, perfettamente in linea con l’identità eterogenea, vitale e spesso folkloristica della Capitale. Il Mercato Monti costituisce una vetrina alternativa e immediata per artigiani, artisti, stilisti, venditori di pezzi unici, per tutti coloro che abbiano qualcosa da dire con i propri prodotti.  

Il mercato urbano segna il “ritorno” del vintage, a Monti già testimoniato da boutique e negozi come Pifebo. Sembra, in un certo senso, che, la ricerca del pezzo unico e distintivo, stia, anche se lentamente, tentando di scardinare la cultura del consumismo più sfrenato, cui emblematicamente possiamo ricondurre l’immagine degli immensi centri commerciali, esempi della massificazione, dello spreco, dell’omogeneità forzata e in qualche modo della spersonalizzazione.

Il MercatoMonti è un piccolo angolo di originalità, in linea con il panorama underground di altre capitali europee. Il rinvio all’immagine di Camden Town, Bricklane e Shoreditch a Londra, a El Rastro madrileno o al Trödelmarkt di Berlino, è immediato.

Consigliato a tutti coloro che vogliono concedersi una piacevole pausa nel week end, rifuggendo dalla folla amante dei grandiosi e “fasulli” shopping centre! 

For our international friends 

From Trajan’s Forum take away via Alessandrina, turn left in via Campo Carleo. Then turn right on via degli Ibernesi, climbing the stairs; turn right again and you’re in Via dei Serpenti. Few meters. To the left. Piazza della Madonna dei Monti.

The Fountain of the Catechumens is the first thing you see; commissioned by Pope Sixtus V in 1588, and designed by Giacomo Della Porta, it was built by Battista Rusconi the following year. If, on the other hand, you arrive from Via degli Zingari, you see the fountain at last. But, by whatever way you access it, the effect is the same. You feel welcomed, free, alive; during the day you can lose yourself in the streets nearby, explore the narrow streets and keep visions; in the evening, the noises push everyone around the fountain, which seems to dispense thoughtlessness, rather than water. Monti is so unique but unpretentious; it does not judge, it does not reject you.

Monti is the first of the districts of Rome, referred to as R.I .; and it is also the first “place” of the eternal city which we will talk about. It is one of the most lively and crowded of the city: you can find thrift shops and not, clubs, bars, restaurants of every kind, that color the environment, attractive for the tourists in search of folklore and for the inhabitants in love with the magical atmosphere of the neighborhood.

In the heart of the district, a few steps from the Cavour metro station, you can find the market Monti, founded in 2009, that is located precisely in via Leonina 46. Ideated by Ornella Cicchetti, also founder of Sounds Familiar, with the help of Bibi Marin, the MM was immediately welcomed in the Capitoline scenario, in a transversal way, between young and old, as an innovative idea, retracing the Roman tradition of the markets, but adding something new. This urban market has become in recent years a point of reference and aggregation, felt like part of the community, right in line with the different identities of the capital. The Market Monti is an alternative and an immediate showcase for artisans, artists, designers, sellers of unique pieces, for all those who have something to say with their own products.

The urban market marks the “return” of the vintage, in Monti already testified by boutiques and shops as Pifebo. It seems, in a certain way, that the research for the unique and distinctive, is, albeit slowly, trying to fights against the culture of unbridled consumerism, which symbolically is rapresented by the image of the huge shopping centers, examples of the massification, the waste, and that somehow force homogeneity of depersonalization.

The MercatoMonti is a small corner of originality, in line with the underground scene of other European capitals. There is an immediate referral to the image of Camden Town, Brick Lane and Shoreditch in London, El Rastro Madrid or Trödelmarkt in Berlin.

Recommended for those who want to enjoy a nice break over the weekend, avoiding crowds and distant from the lovers of “bogus” shopping center!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...